Premessa

Con questo lavoro ci si è prefissi di creare, nel campo dell'Araldica Italiana, un repertorio esclusivo degli emblemi o figure araldiche, cioè uno strumento di consultazione valido per facilitare la ricerca dei nomi delle Famiglie Nobili Italiana partendo dalla lettura dei loro stemmi.

Vengono così catalogati tutti gli stemmi delle Famiglie ancora fiorenti italiane citate e raffigurate nell’Enciclopedia più nota e più recente dell'Araldica : “ Enciclopedia Storico - Nobiliare Italiana” del Marchese Vincenzo Spreti (Milano 1928) in 6 volumi: I: A-Ba, II: Be-D, III: E-K, IV: L-O, V: P-R, VI: S-Z. e la sua appendice (Milano 1935) in 2 Volumi: I: A-C , II: D-Z

Questi stemmi saranno affiancati da un certo numero di altri stemmi catalogati in un precedente lavoro cartaceo svolto sul ”Dizionario Storico - Blasonino delle Famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti” del N.H: G. B. di Crollalanza (Bologna 1886) e la sua Appendice (Bologna 1889) in 3 Volumi I: A-K; II: L-S; III: T-Z; più Appendice: A-Z.

Tale gruppo di stemmi, essendo il di Crollalanza assolutamente sprovvisto di scudi disegnati, saranno raffigurati e rigorosamente accompagnati dal Titolo e dall'Autore di tali fonti (Edizioni e Manoscritti) da cui abbiamo tratto la sicurezza del disegno solo descritto in questi 3 Volumi.

Di questi ultimi abbiamo scelto un gruppo di scudi da inserire con i precedenti proprio per la loro particolarità e perché esattamente riprodotti da manoscritti e pubblicazioni nelle varie biblioteche d'Italia.Ognuno di questi scudi sarà seguito appunto dal titolo del volume da cui proviene. O addirittura scolpiti su tombe nelle varie chiese che abbiamo avuto la fortuna di visitare.

Precedenti storici:

Johannes Baptist Rietstap: Dizionario Araldico - Gouna 1884 - 1889

Illustratios to the Armorial Général by Johannes Battist Rietstap: Istitut Héraldique Universel - Direttori: F. Bender & V.Rolland Parigi 1903 - 1926 Una probabile riedizione di una edizione precedente

Dictionaire des Figures Héraldiques par le Conte Théodore de Renesse 1894 - 1907. E’ quasi certo che il suo lavoro sia stato fatto sul Rietstap; infatti è dall'Autore citato come una grande opera incompleta senza il Suo importante lavoro di apporto. Egli ci informa che il numero degli stemmi trattati è di 105.000. Le descrizioni sono essenzialmente scritte e quindi poco consultabili dai non addetti ai lavori.

Possibili destinatari: Orefici Argentieri - Antiquari - Biblioteche Archivi statali e privati

Il numero degli stemmi si aggira intorno ai 10700

Non saranno trattati i supporti, padiglioni, corone sovrastanti lo scudo, cimieri, cappelli cardinalizi e vescovili, perché non ci si occupa del grado di nobiltà delle Famiglie, ma solamente delle figure dello scudo, che le distinguono le una dalle altre.